Galleria

I disegni

I disegni

I disegni dei ragazzi del Laboratorio Teatro della Moltitudine

I disegni

I disegni

I disegni dei ragazzi del Laboratorio Teatro della Moltitudine

I disegni

I disegni

I disegni dei ragazzi del Laboratorio Teatro della Moltitudine

I disegni

I disegni

I disegni dei ragazzi del Laboratorio teatro della Moltitudine

I disegni

I disegni

I disegni dei ragazzi del Laboratorio Teatro della Moltitudine

I disegni

I disegni

I disegni dei ragazzi del Laboratorio Teatro della Moltitudine

I disegni

I disegni

I disegni dei ragazzi del Laboratorio Teatro della Moltitudine

I disegni

I disegni

I disegni dei ragazzi del Laboratorio Teatro della Moltitudine

I disegni

I disegni

I disegni dei ragazzi del Laboratorio Teatro della Moltitudine

I disegni

I disegni

I disegni dei ragazzi del Laboratorio Teatro della Moltitudine

I disegni

I disegni

I disegni dei ragazzi del Laboratorio Teatro della Moltitudine

I disegni

I disegni

I disegni dei ragazzi del Laboratorio Teatro della Moltitudine

I disegni

I disegni

I disegni dei ragazzi del Laboratorio Teatro della Moltitudine

I disegni

I disegni

I disegni dei ragazzi del Laboratorio Teatro della Moltitudine

I disegni

I disegni

I disegni dei ragazzi del Laboratorio Teatro della Moltitudine

I disegni

I disegni

I disegni dei ragazzi del Laboratorio teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Teatro della Moltitudine

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

Le prove

"Perché ci occupiamo d'arte?" Per abbattere le nostre frontiere, trascendere i nostri limiti, riempire il nostro vuoto - realizzare noi stessi.

Jerzy Grotowski

La missione

 Favorire il graduale passaggio dalla mentalità diffusa che vede le persone con diverse abilità come oggetto di assistenza, a una cultura nuova, che, riconoscendo il valore di ogni diversità, consideri le persone con esperienza di disabilità come soggetti di cittadinanza attiva

13988244_1273738232645748_90354084818522
 

La nostra visione

La Comunità del Teatro della Moltitudine non ha limiti di età, razza, status:

È comunità a tutti gli effetti, inclusiva, coinvolgente, aperta.

 

Utilizzeremo tutte le opportunità e gli strumenti che la modernità ci offre per creare Valore, rete, solidarietà.

 

La Comunità del Teatro della Moltitudine lavora alla costruzione, non alla distruzione.

 

Il modello di “rappresentazione” non può che essere quello della performance, itinerante, radicata al suolo e alla sua gente.

 

Un evento comunicativo che coinvolga, dalla sua costruzione, le comunità locali, ispirandosi alle urgenze, alle sofferenze, alle gioie, delle comunità stesse.

 

La “rappresentazione” non viene data, viene vissuta. 

Abbiamo bisogno del tuo sostegno!